230 STUDI VICHI ANI Antecessorum numero referri placuit 1 Il ; cum enim me hoc tanto tamque praeclaro munere, nullo ingenii mei periculo facto, di- gnum et parem censuisset, ejus sacratissimam mentem, qua hoc pene immensum civile corpus informat et inspirat, et cuncta ratione et consilio recte atque ordine regit et moderatur, plus vidisse, et meas ingenii vires, quas ego in me non sentirem melius perlustrasse et penitius introspexisse putavi; quapropter auctus animo, Augustissimi Principis praesertim judicio, quod mihi maximum adversus obtrectatores propugnaculum esse poterit, hoc mihi impositum onus alacri animo suscipiendum potius, quam deponendum censui. Il manoscritto fu riveduto dal padre, che segnò qua e là, in margine, qualche parola da aggiungere. Così, a un certo punto, Gennaro diceva: « Nulla animi affectio homi- nis tam propria, quam curiositas, quae nihil aliud est, quam veri quaedam investigandi cupiditas, qua cuncti rerum caussas rimando veram rerum scientiam prosequun- tur». E il padre aggiungeva al margine un fiore poetico: « unde, Felix qui potuit rerum cognoscere caussas ! ». E già, col consiglio del padre e sulle orme di consimili orazioni di lui, Gennaro aveva dovuto scrivere questa sua. Si scoprono, in fatti, in più luoghi i soliti pensieri, i soliti movimenti oratorii di Giambattista. Gennaro dice ai giovani : « Ne desides et inertes supina vota concipiatis, ut vobis in sinu de coleo decidat sapientia .... Neve impe- ritum hominum vulgus imitemini, qui ventri et somno dediti, et rei familiari solum intenti, id tantum ab hac Publica sapientia mutuari oportere arbitrantur, quantum rebus bene in vita gerendis sufficere possit ». E il padre, 1 Queste parole non potevano essere scritte prima del 12 gen- naio 1741. Ma 1’ Orazione doveva già essere preparata dalla metà di dicembre, perché in un angolo dell’ultima pagina (che fa da copertina al ms.), si legge, della mano stessa di Gennaro, una fede di studi in data « Neap. X Kal. Januari Anno MDCCXLI » (23 dicembre 1740). Il che significa che il Brancone e il Galiani avevano già assicurato l’esito della supplica al Vico.