Full text: Studi Vichiani

288 
STUDI VICHIANI 
somministrare i manoscritti del padre. Si eran raccolte 
molte cose ancor inedite. Una parte di ciò che erasi pre¬ 
parato trova vasi in casa mia ; un’altra in casa di quel mio 
amico che voleva far l’edizione: ed ambedue le case fu¬ 
rono nel saccheggio anglo-russo-turco-napoletano saccheg¬ 
giate. Ed addio edizione di Vico » l. 
Intorno al 1804, infine, per lo stesso motivo, Gennaro 
vecchissimo fu visitato dal marchese Villarosa. Il quale, 
nella prefazione al primo volume degli Opuscoli2, non 
pubblicato, per altro, prima del 1818, quando Gennaro 
era morto da tredici anni, racconta che nell’accingersi 
alla sua raccolta, si diresse al figlio di Gio. Battista, 
uomo di antichissimi costumi, « per informarlo del suo 
proposito e pregarlo che volesse fargli dono di quegli 
opuscoli del padre, che aveva presso di sé. Il buon vec¬ 
chio, gravato dagli anni, e più da’ malori, quasi pianse 
della letizia per un tale avviso ». E gli diede infatti i 
pochi manoscritti rimastigli, e un abbozzo delle aggiunte 
alla Vita pubblicata dal Calogerà. Anche i libri del padre 
a uno a uno gli erano stati portati via dagli amici; ma 
conservava « un Tacito tutto dal padre nel margine postil¬ 
lato e qualche altro latino libro ». Qualche ferro, insomma, 
del mestiere ! 
Giacché anche gli storici il professore di rettorica doveva 
leggere e illustrare. Delle origini di questa cattedra si 
sa poco, come in generale delle origini di tutti gl’inse¬ 
gnamenti dello Studio di Napoli. Pare sia sorta per le 
esigenze umanistiche del Rinascimento napoletano, sotto 
gli Aragonesi. Il maestro del Sannazzaro, Giuniano Maio, 
l’autore del De Maiestate, e di un dizionario latino De 
priscorum proprietate verborum, il precettore d’Isabella 
1 Ruggeri, V. Cuoco, pp. 191-92; e cfr. ora Cuoco, Scritti vari, ed. 
Cortese-Nicolini, I, 314-15. 
* Opusc., T, XIV-XV.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.