Full text: Studi Vichiani

6 
STUDI VICHIANI 
spirituale, e che, per difendere la loro infrazione alle 
tradizioni della scuola italiana, scrivono anch’essi qualche 
libercolo prò e contro. La metafisica, in realtà, sarebbe 
dimenticata, se non avesse una cattedra negli studi pub¬ 
blici; e nel 1732 Niccolò Concina, nella sua prolusione a 
Padova, ringraziava il governo veneto di non essersi ar¬ 
reso ai consigli di chi tentava far sopprimere quella catte¬ 
dra come inutile e indegna d’una sì illustre università r. 
Il Maugain, che giustamente ha preso i Giornali dei 
letterati, che in questo tempo si pubblicavano in Italia, 
a guida delle sue laboriose ricerche, trovandovi l’eco 
continua delle questioni che si venivano dibattendo tra 
le persone colte, avrebbe anche dovuto seguire la storia 
dei principali insegnamenti nelle varie università, i quali 
coi programmi e le provvisioni delle autorità, i libri de¬ 
gl’ insegnanti, le loro polemiche e le attinenze rispettive 
coi loro avversari, sono anch’essi i centri di riferimento 
della cultura temporanea. 
IL 
Pure la fine del sec. XVII e la prima metà del succes¬ 
sivo sono l'epoca del maggior fiorire degli studi storici 
in Italia. È il tempo in cui il benedettino Benedetto 
Bacchini pubblica e illustra il Liber pontificalis (1708), 
e col Noia, col Grandi, col Lami e col sommo Muratori 
imprende arditamente la critica delle leggende agiogra¬ 
fiche; Scipione Maffei distrugge (1712) le favolose origini 
dell’ordine costantiniano e illustra con vasta erudizione 
le antichità veronesi (1732) ; il Muratori, dopo avere in¬ 
dagato con occhio di lince le antichità italiane del Medio 
Evo, mette insieme con lena infaticabile e con sagace 
1 Maugain, p. 218.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.