Full text: Studi Vichiani

I. IL PENSIERO ITALIANO NEL SECOLO DEL VICO 
5 
meccanica, conforme, metafisicamente, al fiorente natu¬ 
ralismo galileiano; e alla fine dal Locke, di cui si nota 
e si apprezza principalmente l’empirismo, che giustifica 
anch’esso, gnoseologicamente, la scienza sperimentale 
della natura, e, come allo spirito dei gretti galileiani im¬ 
portava, questa sola. Cartesio sul cadere del Sei e nei 
primi trentanni del Settecento suscita entusiasmi e op¬ 
posizioni tenaci, fiere polemiche, un vivo appassiona- 
mento: ma non sveglia nessuno spirito di filosofo. Gl’Ita¬ 
liani accettano e mettono in versi la diottrica, la fisica, 
la fisiologia meccanistica di lui: ne adottano il metodo, 
come assunto, meramente formale ed estrinseco, di libertà 
di filosofare; assunto, che in Italia era trionfato nella 
storia viva dello spirito scientifico fin dal primo affer¬ 
marsi dell’ Umanismo; ed era stato celebrato nella scuola 
del Galilei, e particolarmente nell'Accademia dei Lincei1, 
e non aveva quindi bisogno, in realtà, del nuovo puntello 
straniero. Ma della metafisica cartesiana appena si bi¬ 
sbiglia; né se ne vede scosso profondamente nessuno. 
Son dilettanti, che fanno della filosofia un passatempo e 
un argomento di moda nei salotti (il Maugain ricorda 
Aurelia d’ Este, renatista; e avrebbe potuto ricordare 
anche Giuseppa Eleonora Barbapiccola, traduttrice dei 
Principa di filosofia 2: sono medici, fisici e avvocati, i 
quali, compiacendosi degli ultimi portati letterari della 
filosofia, polemizzano con gli uomini del mestiere, legati 
sempre, anima e corpo, alla Scolastica; o tutt’al più 
professori di filosofia, che cambiano autore, come oggi 
si cambia testo nei licei, senza nessuna profonda ragione 
1 Vedi G. Gabrieli, Il carteggio scientifico ed accademico fra i 
primi lincei (1603-1630); nelle Mem. d. R. Acc. dei Lincei, cl. se. mor., 
serie 6a, voi. I, fase. 2°, 1925. 
2 B. Croce, Supplem. alla Bibliografia vichiana, Napoli, 1907, p. 8. 
Incontreremo la Barbapiccola anche nello scritto sul Figlio di G. B. 
Vico, cap. I. Sul Concina e sui suoi rapporti col Vico, cfr. Vico, Auto- 
biografia, ed. Croce, indice dei nomi, al nome.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.