Full text: I problemi della scolastica e il pensiero italiano (12)

III. IL CARATTERE DELLA FILOSOFIA ITALIANA 231 
decadere nel pensiero, insieme con gli altri paesi d'Europa ; 
o almeno, cosi parve alle prime generazioni del secolo se¬ 
guente. Ma l’apparente decadenza era nuova disciplina a 
più alto segno, e a nuovo risorgimento. Paragonare, per 
esempio, col Vico il filosofo napoletano subito dopo di lui 
salito egualmente in alta fama, tra la stima concorde e il 
plauso di tutta Italia, Antonio Genovesi, per chi non sappia 
applicare ai valori ideali se non una misura assoluta, senza 
riguardo ai rispettivi momenti storici del loro manifestarsi, 
può essere argomento di malinconiche considerazioni per 
l’età seguita alla morte del Vico. Il Genovesi non ebbe 
mente per intuire i grandi problemi vichiani; a petto 
dell’autore della Scienza Nuova, non par né anche meritare 
nome di filosofo. E pure nel Genovesi e nella numerosa sua 
scuoia e in tutti gli scrittori affini d’ogni regione italiana, 
l’Italia nella seconda metà del Settecento affronta pro¬ 
blemi non sospettati dal Vico : in apparenza molto modesti, 
dal rispetto speculativo, ma in realtà di grande portata 
storica, e perciò filosofica. Giacché la filosofia ora si fa 
piccola per affiatarsi col mondo dell’esperienza e mettersi 
a contatto della vita: e volgesi all’economia e alle 
questioni sociali e pedagogiche recandovi il suo spirito 
illuminato e concreto, per tentare anche in Italia una 
cultura che sottragga gli spiriti ai frati e agli accademici 
e ai letterati, stretti in alleanza per opposti interessi con¬ 
correnti nel concetto di una vita senza riflessione scientifica 
e senza libertà spirituale, e di una scienza e di un’arte 
senza vita. Immagine viva dell’epoca la poesia di Giuseppe 
Parini: la cui forma, liberatrice della poesia italiana dalla 
Arcadia, è tutta nel nuovo contenuto, semplicissimo e 
quasi elementare, e pur possente d’ispirazione, e iniziatore 
di un’epoca nuova: la coscienza dell’uomo, nella sua dirit¬ 
tura, nella sua dignità morale; onde il poeta scopre in sé 
l’uomo, e fa vibrare nel canto una corda non più udita 
da Dante in poi. Muore il letterato, perché rinasce l’uomo.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.